Spedizioni gratuite con acquisto superiore a 99 euro
Assistenza clienti: 0541 783932 Lun – Sab: 09:30-12:30 / 16:00-20:00
0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

Il vincitore del birraio dell’anno 2020 è … RITUAL LAB!!!

Il vincitore del birraio dell’anno 2020 è … RITUAL LAB!!!

Dopo aver dedicato un blog al formato “Birraio dell’Anno”, non poteva, sicuramente, mancare quello dedicato al vincitore. Questa edizione del birrario dell’anno riconosce come vincitore il Birrificio Ritual Lab.


Ritual Lab è un birrificio artigianale situato a Formello di Roma. Tutto ebbe inizio nel 2008 quando Roberto e Giovanni Faenza, padre e figlio, appassionati del mangiare e bere bene, incontrano la birra buona artigianale. Fu un amore a primo assaggio. Successivamente, questa passione venne coltivata tramite corsi, visite a birrifici, seminari ecc…

L’anno 2011 fu davvero un anno importante, nasce Ritual Lab. Affiancati da Emilio Maddalozzo, mastro birrario con 40 anni di carriera brassicola, nascono le prime ricette e sperimentazioni in un piccolo impianto da 100L. Dopo qualche anno di sperimentazioni, nel 2013 inizia il progetto Beer Firm. Viene prodotta la prima birra, la Ritual Pils, molto apprezzata e sempre più richiesta.

Nel 2015 il Beer Firm si trasforma in un Birrificio, insieme a Edoardo Ribeca, con un impianto di 12HL, imbottigliatrice isobarica, impianto a osmosi inversa e controllo totale delle acque e cantina di fermentazione da 50 HL. Una cantina che, dopo tanti riconoscimenti e concorsi vinti, si raddoppia e arriva a 100HL e successivamente a 150HL mensili.

Nel 2018 Ritual Lab viene riconosciuto come “Miglior Birraio Emergente Italiano”. Viene aggiudicato per questo premio colui che ha prodotto birre messe in commercio nei due anni antecedenti all’anno giudicato. In questo caso si era aggiudicata la produzione del biennio 2016/2017.

Nascono le prime collaborazioni, la prima con il birrificio Dry & Bitter e nasce la “Head Space”, una Pale Ale dalla gradazione alcolica 5.5%. Successivamente dalla collaborazione con North Brewing nasce la “Mango Strawberry Sour”, una Sour Ale acidula e ben equilibrata dai sentori di Mango e Fragola. Dalla collaborazione con Oxbow e Jester King nasce la “Tangie”, una Saison realizzata con 20% di grano monococco non maltato, un grano antico, coltivato nelle Langhe e 330 litri di spremuta di mandarino siciliano.

L’anno 2019 porta altre tante novità positive per Ritual Lab. Iniziano i lavori per la costruzione della nuova sala cottura da 25HL, totalmente automatica. Ciò comporta, crescita e successo. Inoltre, viene aggiudicato il secondo nel concorso “Birraio dell’Anno “.

La filosofia produttiva di Ritual Lab si basa sulla raggiuta dell’eccellenza in campo brassicolo senza alcun compromesso. Le due parole d’ordine sono: freschezza e alta qualità delle materie prime. Le basi fondamentali del loro operato si basano sul rispetto per la tradizione e allo stesso tempo con lo sguardo verso le nuove tecniche. Le loro birre sono il risultato della tecnica birraia unita alla passione.

Degna di nota è il loro progetto “Birra e Arte”: ogni etichetta di birra ha una storia, ha un’anima e corrisponde a un’opera originale firmata e creata appositamente per la collezione del birrificio.

SCOPRI LE BIRRE RITUAL LAB SU ABEERVINUM

Iscriviti oggi alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre offerte!