BLACK FRIDAY
Spedizioni gratuite con acquisto superiore a 99 euro
Assistenza clienti: 0541 783932 Lun – Sab: 09:30-12:30 / 16:00-20:00
0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

I sidri

I sidri

Il sidro è una bevanda alcolica che si ottiene dalla fermentazione naturale del fruttosio contenuto nel succo delle mele. La qualità del prodotto finale dipende dalla qualità della materia prima e dalla cura durante il processo produttivo.

Origini
Le prime tracce sull’esistenza di questa bevanda alcolica a base di mele arrivano dall’Egitto, ancora prima dell’anno zero. Altre testimonianze si trovano anche nella letteratura bizantina, nel quale lo si da tantissima importanza.
Anche in Italia, l’aristocrazia romana fu conquistata quando Giulio Cesare portò la cultura del sidro dalle campagne bretoni. Successivamente furono gli arabi a migliorare l’agricoltura, la coltivazione delle mele, portando a una grande crescita di produzione e consumo intorno al XII, XIII e XVIII secolo.
Il sidro con le caratteristiche simili a come lo riconosciamo noi oggi, nasce nell’epoca medioevale, in Normandia, Francia. In Gran Bretagna viene portato da Guglielmo il Conquistatore intorno all’anno 1000 d.C. ed era considerato una bevanda riservata ai ricchi, rara e di lusso. Negli anni 1200 viene spesso utilizzato anche per battezzare i bambini.
Una grande diffusione delle sidrerie avviene nel 1700 in Gran Bretagna. Il grande successo avviene anche per il basso costo delle mele, rispetto ai cereali per realizzare la birra e la difficoltà nel realizzare il vino. Con il tempo il sidro viene diffuso tantissimo in tutto il mondo ottenendo il record del più alto consumo in Gran Bretagna.




Il processo produttivo
Per produrre il sidro, solitamente, vengono utilizzate tre tipi di mele:

   mela da sidro, donano l’amaro, il profumo caratteristico e i tannini;

   mela da cucino, dona l’acidità;

   mela da dessert, per il profumo e la dolcezza

Per ottenere sidri equilibrati, dai sapori e profumi diversi si miscelano diverse varietà di mele. Una volta raccolte e selezionate, vengono trasferite nei mulini (cider mills) per essere ridotte in una vinaccia di mele (pomace). Successivamente la polpa viene trasferita nelle presse da sidro per essere spremuta. Segue la pressatura e il riscaldamento fino a raccogliere tutto il succo, la filtrazione e la successiva fermentazione in grandi tini (vat) a temperatura controllata tra i 4 e i 16 gradi.
Dopo tre mesi di fermentazione, il sidro è pronto. A scelta del produttore può avvenire l’invecchiamento che solitamente dura per due/tre anni.
Come abbiamo detto precedentemente, il prodotto finale cambia in base alle varietà di mele utilizzate. Si ottengono sidri dolci, secchi o semi secchi, gassati o lisci, con gradazioni alcoliche tra il 3% - 8%.
Spesso, i sidri ottenuti da una singola varietà di mela, vengono miscelati e successivamente filtrati. A volte addizionato di anidride carbonica e imbottigliato.



La classificazione dei sidri in base alla dolcezza (residuo zuccherino):

       Secco: sotto lo 0,4% di residuo zuccherino.

       Semisecco: 0,4-0,9% di residuo zuccherino, è caratterizzato da un tocco di dolcezza.

       Medio: 0,9-2,0% di residuo zuccherino. La componente dolce è evidente ma ben equilibrata.

       Medio-dolce: 2,0-4,0% di residuo zuccherino, dolce ma con una bella freschezza.

       Dolce: sopra lo 0,4% di residuo zuccherino, dolce, tuttavia non stucchevole, equilibrato.



La degustazione del sidro
La ruota dei sapori è uno strumento importante per facilitare la degustazione. Raccoglie tutti gli aromi più comuni e le sensazioni in bocca. Si inizia dal centro identificando gli aromi nelle categorie generali e pian piano si procede verso l’esterno, cerchio dopo cerchio, identificando precisamente il sentore negli anelli successivi.





Il sidro può essere realizzato anche con aggiunta di altra frutta. Nel nostro catalogo, all’interno della categoria Sidri, troverete sidri prodotti con aggiunta di lamponi, fragole, pere, castagne, fiori di sambuco ecc. Troverete i sidri analcolici (0,5%) realizzati da Brunneby. Dalla spagna, troverete i fantastici sidri naturali, che fermentano con lieviti naturali nelle botti tradizionali. Inoltre, troverete anche una selezione di sidri invecchiati, anche in botti ex-whisky.






SCOPRI I SIDRI DI ABEERVINUM