Spedizioni gratuite con acquisto superiore a 99 euro
Assistenza clienti: 0541 783932 Lun – Sab: 09:30-12:30 / 16:00-20:00
0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

Conosciamo i Vini Georgiani

Conosciamo i Vini Georgiani

La Georgia viene riconosciuta per la più antica tradizione di viticoltura, risalente a 6.000 anni fa. Secondo l’archeobotanica, gli antichi abitanti dell’odierna Georgia sono tra i più antichi vignaioli della storia. Persino il termine vino sembra che derivi dal georgiano “Gwino” (Vin- Wein – Vine - Vino).

Principalmente, la Georgia, viene riconosciuta per la produzione vinicola nei vasi chiamati kvevri o qvevri. Questi recipienti, in italiano anfore, venivano usati per la fermentazione e l'invecchiamento del vino.  Le radici del vino georgiano, vinificato in anfore, nascono quando i popoli del Caucaso del Sud scoprirono che il succo d’uva selvatica, una volta lasciato sepolto sottoterra per il periodo invernale, diventava una bevanda gradevole. Questa idea viene mantenuta, sviluppata e raffinata nel corso dei secoli.

In Georgia, le uve vengono raccolte, schiacciate e il nettare va direttamente nei qvevri. Questi qvevri vengono sotterrati e solo la sommità del vaso rimane visibile. 

Si segue lo stesso procedimento sia per i vini bianchi che rossi. Questa produzione fa parte del patrimonio culturale della Georgia e viene tutelata dall'UNESCO.  I qvevri, una volta chiusi con un tappo di legno e sigillati con la terra, possono essere tenuti sepolti fino a 50 anni. 

Per tradizione, i vini georgiani portano il nome della regione di origine, del distretto o del villaggio, molto simile a vini regionali francesi come Bordeaux o Borgogna. 

In Georgia ci sono di due metodi tradizionali di produzione di vino:

Il kakhetiano e l’imeretiano, che sono due regioni georgiane. 

Nel metodo kakhetiano, per fare i vini bianchi, in anfore viene fatta fermentare tutta la vinaccia insieme al mosto. La differenza dai vini europei è che in questi la fermentazione è solamente del mosto senza le vinacce. Il risultato è un vino dal colore giallo scuro, tannico, con un tasso alcolico intorno ai 13-14 gradi.

Secondo il metodo imeretiano in anfore viene messo solo il 5-10% dei raspi, semi e vinaccia. Il vino è un po’ colorato, fresco, con un tasso alcolico intorno ai 11-12 gradi.

Per questi metodi di vinificazione, la fermentazione viene fatta in presenza dei raspi e la macerazione può arrivare anche a sei mesi.

Dai un'occhiata alla nostra selezione di vini Georgiani

Iscriviti oggi alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre offerte!