Spedizioni gratuite con acquisto superiore a 99 euro
Assistenza clienti: 0541 783932 Lun – Sab: 09:30-12:30 / 16:00-20:00
0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

Chateu Musar: La storia di un’icona del vino

Chateu Musar: La storia di un’icona del vino

“Conoscere Chateau Musar richiede più di un sorso o un bicchiere, per quanto affascinante possa rivelarsi il gusto di quel vino. Per conoscere Chateau Musar richiede una comprensione del terroir, della vinificazione naturale, della natura umana e della storia. Tutti questi fattori hanno una potente influenza sul modo in cui il nostro vino appare nel bicchiere, come il profumo e il sapore, vive, respira e cambia” - Famiglia Chateau Musar


Di origine francese, la famiglia Hochar (si pronuncia "Hoshar") è arrivata in Libano con le crociate e da allora è rimasta lì. Chateau Musar viene fondato nel 1930 da Gaston Hochar all’età di 20 anni. Si tratta di un’azienda che prende ispirazione dai suoi viaggi a Bordeaux e da una tradizione vinicola di 6000 anni, quella del Libano. Serge Hochar, suo figlio, studente di Emile Peynaud all'Università di Enologia di Bordeaux, divenne enologo di Chateau Musar nel 1959, dopo che Gaston senior aveva gentilmente ceduto. Sarà Serge Hochar a trascorrere 18 anni a perfezionare la formula del rosso di Chateau Musar. Gli anni della guerra civile libanese dal 1975 al 1990 sono stati anni di sopravvivenza. L’uva veniva raccolta quando il bombardamento si interrompeva e il loro transito alla cantina richiedeva il tempo consentito (a volte giorni) evitando i posti di blocco delle milizie. La vinificazione poteva avvenire solo quando la strada costiera era sgombra e Serge poteva raggiungere la cantina. Il vino che ha prodotto durante questo periodo, ha dovuto trovare la sua strada oltre i ritardi e le interruzioni causate dalla guerra, e miracolosamente lo ha fatto. Serge ha definito il suo vino del 1982 "un puro vino di guerra". Ottanta ettari di vigneti di Hochar nella valle della Bekaa divennero la linea del fronte per i carri armati israeliani e siriani. Solo le pause nei combattimenti permisero ai leali vendemmiatori beduini di precipitarsi e raccogliere ciò che potevano. Eppure, il vino doveva diventare un rosso elegante, morbido, pieno di frutti di bosco e fascino di melograno - "tipicamente Musar nella sua enigmatica semplicità / complessità".

Nel 1984 viene scelto come primo "uomo dell'anno" della rivista Decanter per la sua dedizione alla produzione di vini di qualità eccellente durante questa guerra civile.

Serge aveva due figli: Gaston e Marc. Entrambi hanno studiato ingegneria e lavorato nel settore bancario. Gaston ora gestisce la gestione quotidiana della cantina Chateau Musar, Marc i suoi aspetti commerciali.

”Mio fratello si è occupato del liquido, io mi occupavo della liquidità" - come suo fratello Serge, Ronald Hochar è stato incoraggiato a partecipare a Musar sin dalla tenera età: entrambi sono cresciuti lavando bottiglie e lavorando in cantina prima di intraprendere percorsi separati all'interno dell'azienda. Il figlio di Ronald, Ralph, ha lavorato nel settore del commercio nel Regno Unito fino all'inizio del 2017 e ora si sta concentrando sul sud-est asiatico dall'ufficio britannico di Chateau Musar. Sua figlia Elsa ha realizzato un documentario su Chateau Musar.

 

Il terroir di Chateau Musar


I vini di Chateau Musar sono unici, le viti sono state coltivate dalla valle della Bekaa ad alta quota del Libano, per oltre 6000 anni. L’antica città di Baalbek nella valle della Bekaa settentrionale prende il nome dal dio fenicio della fertilità, Baal. Il dio romano Bacco era a sua volta venerato qui e i templi costruiti in suo onore rimangono tra i più perfettamente conservati al mondo. I vini della regione sono citati più volte nella bibbia, poiché risultano registrati delle transazioni di vino provenienti nel cosiddetto Biblo ("libro" in greco, da cui "Bibbia").

Le favorevoli condizioni geografiche e climatiche del comune sono sempre state promettenti. I vigneti di Musar sono situati in altitudini relativamente alti, (circa 1.000 metri sul livello del mare).  La maggior parte si trova nella valle della Bekaa, cullata tra due catene montuose parallele alla costa mediterranea del Libano. Fiancheggiata da montagne innevate e adagiata a 1000 m sul livello del mare, la serena e bella valle della Bekaa è benedetta da 300 giorni di sole all'anno, fresca brezza di montagna e una temperatura media di 25 ° C (che comprende inverni nevosi ed estati calde).

I vigneti rossi di Chateau Musar si trovano all'estremità meridionale della valle della Bekaa, a nord del lago Qaroun e a circa 30 km a sud est di Beirut. Sono caratterizzati da un terreno calcareo, ideali per la viticoltura e incoraggiano la produzione di uve di alta qualità. L'altitudine dei vigneti beneficia delle fredde notti notturne e delle temperature stagionali relativamente alte che si risolve in periodi di maturazione più lunghi.

Chateua Musar beneficia da un'ampia gamma di tipi di terreno e aspetti che si traduce in vini dal carattere distintivo e miscele di attraente complessità. Le uve utilizzate per la produzione del Rosso di Chateau Musar sono le varietà Cabernet Sauvignon, Southern Rhone, Carignan e Cinsault, da viti mature che producono un massimo di 30-35 ettolitri per ettaro. Le antiche e autoctone uve bianche di Obaideh e Merwah che preferiscono condizioni leggermente più fresche ai rossi sono coltivate in vigneti ad altitudini ancora più elevate sulla montagna in pendenza, a circa 1.500 metri sul livello del mare.

Chateau Musar - Biologico sin dall'inizio

“Quando sei un vignaiolo hai la fortuna di lavorare su qualcosa che è vivo e non dovresti mai ucciderlo”

La filosofia di rispetto per l'ambiente della famiglia Hochar significa che i 180 ettari di vigneti Musar sono gestiti con il minimo intervento umano e tutti i vini sono prodotti naturalmente. È la fiducia di Serge per i suoi vini, radicati nella storia e nel terroir libanese, che ha portato ad aprire la strada al movimento del vino naturale. Diceva: 'I miei vini sono naturali. Sono io che li faccio, ma non interferisco con la natura. Assaggiateli, ascoltateli e vedrete!

Chateau Musar è stato il primo produttore in Libano a ottenere la certificazione biologica per i suoi vigneti nel 2006. Tutte le uve vengono raccolte a mano dai beduini locali tra agosto e ottobre. In cantina i lieviti ambientali svolgono il lavoro di fermentazione. Viene utilizzato il minimo indispensabile di zolfo e i vini rossi di Chateau Musar non vengono né chiarificati, né filtrati. Chateau Musar produce anche L'Arack de Musar, il distillato libanese, aromatizzato all'anice, più puro.

 

Sette anni di lavoro

Le uve vinificate per lo Chateau Musar Red vengono fermentate in vasche di cemento separate, travasate a circa 6 mesi dalla vendemmia e poi maturate per circa 12 mesi in barriques di rovere francese usate: solo una piccola parte delle quali sono nuove ogni anno.

I vini ottenuti da cabernet sauvignon, Cinsault e Carignan, vengono assemblati per unire i pregi e le caratteristiche individuali dell'anno. Vengono imbottigliati, senza filtrazione, alla fine del terzo anno successivo alla vendemmia.

Il processo di miscelazione è un aspetto fondamentale della produzione di vino. I vini ottenuti da vigneti di diversi vengono costantemente degustati per comprenderne la personalità e le caratteristiche. Si tratta di una vinificazione per istinto, un'arte dello Chateau Musar.

Il blend finale viene invecchiato per ulteriori 3 - 4 anni in bottiglia prima di essere commercializzato al settimo anno.  Anche Chateau Musar White viene fermentato da sei a nove anni, in botti di rovere usati, imbottigliato e miscelato dopo il primo anno. Successivamente viene conservato nelle cantine di Musar per altri sei anni prima della commercializzazione.

 

"Se dai più tempo ai miei vini, ti daranno più gioia": Serge Hochar

Che i vini, le annate di Chateau Musar, siano plasmati dal tempo, oggi è più chiaro che mai. Inizia a degustare uno Chateau Musar di 15, 20 o 30 anni e inizierai a capire l'eleganza che sviluppa evolvendosi in bottiglia. Questa evoluzione è una parte di vitale importanza dell'eredità vinicola di Serge e che loro, come famiglia, sono determinati a continuare.

Adesso che la curiosità è tanta, seduto comodamente sul tuo divano, ordina i vini di Chateau Musar presenti sul nostro catalogo. Sono conservati perfettamente e con prezzi molto competitivi.


La storia raccontata negli anni

1930 - Gaston Hochar pianta i suoi primi vigneti al ritorno da Bordeaux.

1941 - Il maggiore Ronald Barton (di Château Langoa-Barton e Leoville-Barton) arriva in Libano durante la Seconda guerra mondiale fa amicizia con Gaston Hochar, rafforzando i legami con Bordeaux e influenzando lo stile Musar.

1959 - Serge Hochar diventa l'enologo di Chateau Musar mentre completa i suoi studi di vinificazione presso l'Università di Enologia di Bordeaux sotto la guida di Jean Riberau ed Emile Peynaud.

1962 - Ronald Hochar (il secondo figlio di Gaston) si occupa degli aspetti finanziari e di marketing della cantina.

1977 - Serge Hochar finalizza la "formula" per Chateau Musar Reds.

1979 - Michael Broadbent "scopre" Chateau Musar alla Fiera del vino di Bristol, valutando l'annata 1967 come la "scoperta della fiera". Chateau Musar apre la sua società britannica per sviluppare le sue vendite nel mercato britannico e, successivamente, in Europa.

1984 - La rivista Decanter nomina Serge Hochar come primo "uomo dell'anno", riconoscendo la sua dedizione alla produzione di vini eccellenti durante la guerra civile libanese (1975-1990).

1988 - Jane Sowter si unisce a Chateau Musar (Regno Unito) nelle vendite e nel marketing coprendo il mercato britannico e infine i mercati europei.

1989 - Chateau Musar lancia un nuovo vino rosso "Hochar Pere et Fils" nel Regno Unito.

1991 - Tarek Sakr si unisce a Chateau Musar.

1994 - Gaston Hochar, il figlio di Serge, si unisce alla cantina per diventarne in seguito amministratore delegato.

2003 - Ralph Hochar, il figlio di Ronald, si unisce all'ufficio britannico responsabile delle vendite al commercio.

2006 - Chateau Musar ottiene la sua prima certificazione biologica ufficiale per alcuni dei suoi vigneti.

2007 - Chateau Musar lancia una nuova gamma di vini chiamata "Musar Jeune".

2010 - Serge Hochar riceve il "premio alla carriera" dalla rivista tedesca Der FeinSchmeker. Marc Hochar, il secondo figlio di Serge, si unisce a suo fratello Gaston per aiutare a gestire ed espandere le attività della cantina.

2013 - Chateau Musar continua la sua espansione nel sud-est asiatico.

2014 - Serge Hochar muore.

2015 - Ronald Hochar viene nominato presidente di Chateau Musar.

2017 - Chateau Musar lancia il suo vino rosso "Levantine" nel Regno Unito.

2018 - Chateau Musar pianta un nuovo vigneto nella regione di Byblos a 400 m di altitudine.

2018 - Uscita del primo Jeroboam (3L) e Imperial (6L) di Chateau Musar rosso, annata 2010.

2018 - Uscita della prima magnum di Chateau Musar bianco, annata 2009.

2019 - Chateau Musar lancia i suoi nuovi vini bianchi e rosati "Korai" in Libano.

2019 - Uscita della prima magnum di Hochar Pere et Fils rossa, annata 2015.

SCOPRI IL VINO LIBANESE CHATEAU MUSAR SU ABEERVINUM

Iscriviti oggi alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre offerte!